Contenuto principale

Messaggio di avviso

Pinacoteca SanS min min

Volgono al termine (entro le prime settimane di dicembre saranno conclusi) i diversi moduli all’interno del PON "Patrimonio culturale, artistico e paesaggistico”, dedicato appunto alla valorizzazione del patrimonio dell'entroterra della nostra regione. Proseguiranno ancora per qualche settimana i moduli "Valorizzazione dei cammini di fede: la via Lauretana" e "I segni del tempo: le pietre ci parlano", mentre quello dal titolo "Maestri vaganti da San Severino ai sentieri appenninici" ha segnato nelle ultime settimane delle tappe particolari ed importanti. Gli studenti partecipanti a tale corso, provenienti dal Liceo delle Scienze Umane, Classico e Scientifico, in data 21 ottobre hanno raggiunto il caratteristico borgo di Monte San Martino, guidati alla scoperta del piccolo e suggestivo centro storico e di ben quattro gioielli inaspettati lungo i sentieri degli Appennini: i 4 polittici a firma di Carlo e Vittore Crivelli (un unicum quello che li vede in collaborazione) e uno del nostro pittore camerte Girolamo di Giovanni. Nel corso di una seconda visita alla Pinacoteca comunale "Tacchi Venturi", lo scorso 8 novembre, hanno poi messo in pratica quanto appreso nel corso delle lezioni e delle precedenti uscite: divisi in piccoli gruppi, hanno proceduto a repertare materiale audio-fotografico, in modo da realizzare una loro presentazione di alcune delle opere più importanti ivi presenti (dei Salimbeni, del Crivelli, di Lorenzo d'Alessandro). Assemblando tali materiali nel corso delle prossime lezioni, i ragazzi realizzeranno un video che sarà spendibile per pubblicizzare le bellezze del nostro territorio, colpito dal sisma ma sempre pronto a riprendersi con simili iniziative, volte a rilanciare le nostre meraviglie artistiche, attraverso la scuola, gli enti ma soprattutto i nostri studenti, vera risorsa da cui ripartire.

MonteSanMartino min

DSC 2081

All’interno del PON "Patrimonio culturale, artistico e paesaggistico”, dedicato alla valorizzazione dei beni artistici e culturali dell'entroterra marchigiano, dalla fine di settembre hanno preso avvio tre diversi moduli, aperti agli studenti dei vari indirizzi dei Licei Camerino, condotti da esperti interni ed esterni, coadiuvati da tutor.

Il  Modulo 1, dal titolo Maestri vaganti da San Severino lungo i sentieri appenninici, a cura dei proff. Savi e Losito (in qualità di esperto esterno), condurrà gli studenti alla scoperta dei pittori più importanti in azione fra l'Umbria e le Marche, dal XIV al XVIII secolo. Particolare attenzione sarà data alla città di San Severino, vero crocevia di artisti nei secoli suddetti, di cui reca superba testimonianza la Pinacoteca comunale "Tacchi Venturi". Paolo Veneziano, i fratelli Salimbeni, Lorenzo d'Alessandro, i Crivelli, Bernardino di Mariotto e Pinturicchio spiccano fra i vari autori che saranno prima presentati con lezioni frontali e laboratori nelle aule liceali, poi ammirati nel territorio, attraverso visite guidate alla stessa Pinacoteca, a San Severino e dintorni, con i suoi castelli e chiese sparse.

Il Modulo 16, Valorizzazione dei cammini di fede: la via Lauretana, con la prof.ssa Tasso, intende offrire ai ragazzi partecipanti notizie di carattere storico-culturale sul tratto marchigiano dell’antico e frequentatissimo tracciato ed elementi di cartografia e lettura del territorio per poter pianificare e realizzare un’escursione. Oltre alle lezioni a scuola, sono previste diverse uscite sul territorio al fine di “toccare con mano” e mettere in pratica quanto appreso sui banchi. 

Il Modulo 17, intitolato I segni del tempo: le pietre ci parlano, curato dai proff. Blasetti, Crocetti e Magnoni e organizzato in collaborazione con UNICAM, parlerà dei segni lasciati dal tempo sia sulle rocce che affiorano nella zona umbro-marchigiana, sia sui monumenti storici del territorio camerte, costruiti con tali materiali rocciosi. Per parlare di questo “tempo profondo”, tipico dei fenomeni geologici, il prof. Crocetti ha accompagnato gli alunni in un’escursione, svoltasi il 4 ottobre, presso gli affioramenti rocciosi della zona di Camerino e di Rocca Varano; infine, presso la cava di Bistocco, è stato possibile apprezzare l’imponente affioramento di calcare massiccio che fornisce materiale da secoli. I prossimi incontri si dedicheranno soprattutto all’uso di tali materiali lapidei utilizzati nell’edilizia, che fin dall’antichità hanno permesso la costruzione di imponenti edifici, come lo stesso Palazzo Ducale di Camerino, oggetto di studio, nello scorso A.S., di un altro Modulo, svolto sempre presso i Licei Camerino. 

Madpace1490ca2

Compie 20 anni “English as a game”, progetto misto (curricolare ed extracurricolare) nato nell’anno scolastico 1999/2000, a sostegno e ad integrazione della normale attività didattica, perfezionato e riproposto negli anni successivi in virtù della forza coinvolgente e produttiva riscontrata, a livello del processo sia di insegnamento che di apprendimento. Questo percorso interdisciplinare (Pedagogia, Psicologia, Lingua Inglese, Informatica) è curato dalle proff. Di Marzio e Tolomeo ed è destinato agli studenti del Liceo delle Scienze Umane. Si è rivelato fondamentale per il passaggio dalla “teoria” alla “pratica”, portando gli alunni ad una vera e propria situazione scolastica, con uno stage in lingua Inglese nella Scuola Materna. 

Sulla base dell’esperienza pregressa si è potuto constatare che il progetto non solo ha suscitato grande interesse e motivazione allo studio, ma ha permesso anche il raggiungimento di alcuni importanti obiettivi: l’acquisizione di competenze in Pedagogia, in Psicologia, in Lingua Inglese (L2) e in Informatica; una preparazione di base più solida, unitaria e professionalizzante conseguita attraverso una didattica più attraente e fattiva; infine l’orientamento (spunto di riflessione per una eventuale scelta futura).

Gli studenti coinvolti nel progetto hanno, per la maggior parte, il PET, mentre altri hanno frequentato il modulo Lingua inglese di 100 h all'interno del PON competenze di base.

Il progetto, che ha già ricevuto un riconoscimento come “best practice” dal Ministero dell’Istruzione, quest’anno si realizzerà nella Scuola Materna di Muccia, donata dalla Fondazione Bocelli, un istituto davvero all’avanguardia da un punto di vista pedagogico e tecnologico.

Good luck to all of you! 

practice games1