Contenuto principale

Messaggio di avviso

legalMercoledì 6 novembre 2019, le classi prime dei Licei di Camerino “Costanza Varano” si sono riunite in Aula Magna in occasione dell’incontro con il comandante della stazione dei Carabinieri di Camerino, Roberto Nicola Cara.

Dopo essersi presentato brevemente, il comandante ha subito iniziato la sua esposizione introducendo basilari elementi di diritto (diritti civili, penali…), fornendo esempi di vita quotidiana facilmente comprensibili dall’assemblea. Il suo interessante discorso è proseguito con la discussione riguardante la droga, da lui definita come “il fattore che rovina il futuro delle giovani generazioni”. Descritte le varie tipologie di droghe esistenti (marijuana, cocaina, eroina, LSD…), le loro caratteristiche e la loro struttura, ha informato gli studenti sugli effetti da loro provocati sull’individuo e sulla loro pericolosità; per far comprendere meglio l’argomento ha arricchito il discorso raccontando episodi accaduti quando era in servizio a Bologna e nelle sue precedenti esperienze lavorative. Gli alunni, molto coinvolti, hanno partecipato attivamente ponendo domande al riguardo.

Successivamente il capitano ha spostato la sua attenzione sull’abuso di alcol nei giovani d’oggi e sulle sue possibili conseguenze, soprattutto in relazione agli incidenti stradali causati dalla guida in stato di ebbrezza. L’ultima problematica trattata, anch’essa molto attuale e diffusa tra i ragazzi, è stata quella del bullismo e del cyberbullismo, fenomeni che incitano i più deboli a autolesionarsi o persino a togliersi la vita per liberarsi definitivamente dalle “persecuzioni” a cui sono sottoposti quotidianamente. Anche questo argomento ha fatto scaturire quesiti a cui il comandante ha risposto chiaramente eliminando i dubbi degli studenti. In conclusione il docente ha velocemente descritto la sua carriera iniziata nelle Forze dell’Arma a soli 15 anni grazie a un impegno costante e molteplici sacrifici.

La lezione di legalità offerta agli allievi in questa giornata è certamente stata molto utile: da un lato ha arricchito le conoscenze degli auditori, dall’altro potrebbe essere un valido aiuto per quanti stanno affrontando tali problemi. In futuro si potrebbero organizzare più incontri con esperti in problematiche adolescenziali visto il grande interesse mostrato oggi in Aula.

Tiburzi Chiara, I A Liceo Linguistico