Contenuto principale

Messaggio di avviso

Foibe

I Licei di Camerino anche quest’anno, in omaggio alle vittime delle Foibe, hanno ospitato in Aula Magna, sabato primo febbraio, il dottor Piloni, studioso e discendente degli esuli istriani, il quale, attraverso una chiara e puntuale esposizione dei fatti storici, ha ricostruito in modo esemplare gli eventi drammatici di quasi ventimila italiani, torturati, assassinati e gettati nelle foibe ( fenditure carsiche usate come discariche) dalle milizie di Tito alla fine della seconda guerra mondiale.

Hanno partecipato all’evento anche il dottor Hinna Luciano, esule di Zara e la dott.ssa Cosimi Paola,  con voce dolente, hanno letto varie memorie di questo orrendo episodio di pulizia etnica, così a lungo rimosso. Un ricordo speciale di quei bui giorni della storia va alla giovane donna,studentessa innocente, Norma Cossetto, torturata ed uccisa in modo crudele. Queste preziose testimonianze, seguite con emozione da tutta la platea, hanno toccato gli animi, generando sdegno e fratellanza. Il “Giorno del Ricordo” è una solennità civile nazionale celebrata il 10 febbraio di ogni anno, istituita con Legge del marzo 2004 per “ conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell’esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra..” Un’enorme lapide bianca si innalza in memoria delle tragedie delle genti Istriane,Fiumane, Giuliane e Dalmate, tragedie scomode, di cui per trenta anni ci si è dimenticati. Il Miur invita le scuole a programmare iniziative e a diffondere la conoscenza dei questi fatti dolorosi, richiamando l’importanza di educare i giovani studenti alla memoria. Non ci sono morti rossi, neri o azzurri, né memorie di serie A e memorie di serie B, in ogni pagina nera della storia ci sono solo vittime, cioè persone che meritano il nostro ricordo e il nostro compianto.

prof.ssa Mosciatti Simonetta